lunedì, aprile 07, 2014

The fashion school, per ridere un po' della semiotica.

Un professore che insegna semiotica in una rinomata università internazionale e le gag involontarie di matricole alle prese con la scienza dei segni.

Una pagina spiritosa e godibilissima che trovate su https://www.facebook.com/fescionschool

Buone risate a tutti.


giovedì, marzo 13, 2014

Ermenegildo Zegna: il valore simbolico del brand e la crisi economica

In questa immagine di Ermenegildo Zegna possiamo vedere la presenza di un simbolo e di una sineddoche.

Infatti il modello che indossa un bellissimo ed elegante "Ermenegildo Zegna" sta toccando un campionario dei tessuti, che è una citazione e una sineddoche del celebre dipinto "Le Bureau du coton" di Edgad Degas.

Il campionario dei tessuti è il simbolo della qualità di Zegna e implica che per l'azienda non è importante solo il valore della marca, ma la qualità dei tessuti, anche.

Un altro effetto della crisi economica: il valore simbolico del brand non è sufficiente per il target quando il valore del denaro è

venerdì, marzo 07, 2014

Sgarbi a Servizio Pubblico di Santoro e le analogie iperboliche

Un intervento di pochi secondi ricco di elementi semionarrativi di un certo interesse quello di Vittorio Sgarbi ospite di Michele Santoro a Servizio Pubblico nella serata di giovedi 6 marzo.

Ritroviamo una similitudine associata al sostantivo "politico", per cui l'aggettivo "capace" è uguale a "onesto", partendo da una citazione di Benedetto Croce.

Ritroviamo una presupposizione quando uno spettatore urla: ''Salemi è stato sciolto per mafia'' dando per scontata la conoscenza del fatto che Salemi è il comune in cui Sgarbi era sindaco. Qui si associa da parte

giovedì, marzo 06, 2014

Il doodle su Tiepolo: l'iperbole dell'arte "photoshoppata"

E' stato dedicato a Giambattista Tiepolo (per la precisione, al 318° anniversario della nascita del pittore) il Doodle di Google di mercoledi 5 marzo.

Il pittore veneziano (padre di Giandomenico e Lorenzo, che ne hanno seguito le orme artistiche) è uno dei più importanti artisti del Settecento.

"Inutile chiedersi" afferma artsblog.it, "quale dipinto o opera del Tiepolo padre sia raffigurata nel logo del

martedì, marzo 04, 2014

La grande bellezza di Sorrentino, oscar al declino e fine dell'impero romano

Potrebbe sembrare un paradosso e una iperbole, se non addirittura ironia, alludere con il titolo "la grande bellezza" a Roma, città ormai tristemente nota per il degrado fisico delle strutture e morale degli abitanti.

Una sorta di ossimoro, la deturpata bellezza, o la splendida degradazione esprimerebbe meglio la realtà delle cose.

Il film, allegoria della società italiana e sineddoche di quella occidentale, privo di modello attanziale (non c'è una vera e propria narrazione) erge a capolavoro decadente anch'esso, grazie all'uso sapiente di figure retoriche e di una forte essenza simbologica.

Abbondano le prosopopee (il cardinale, prosopopeea della Chiesa, incapace ormai di ascoltare e guidare, tesa solo a narrare storie vuote di senso), le allegorie, le iperboli.

Il personaggio più importante e significativo del film è interpretato da Sabrina Ferilli, la spogliarellista ,

Copyright © 2010-2012 Polisemantica | Blumedia Art and Semiosis | Layout by Atomic and Fausto Crepaldi