NEWS
Loading...

NAPALM51, IPERBOLE DEL TROLL


Uno dei personaggi più riusciti di Maurizio Crozza, il famoso comico che attualmente su La Nove, insieme ad Andrea Zalone, conduce e anima lo spettacolo "Fratelli di Crozza", è senza dubbio Napalm51.

Il nome allude a un veterano del Vietnam, partendo dalle presupposizione che lo spettatore sappia che questo terribile elemento fu spesso usato durante tale guerra.

Si tratta dell'icona del troll, dello stereotipo del navigante frustrato, livoroso, incapace di realizzare qualunque cosa e quindi invidioso dei successi altrui e sempre pronto a criticare gli altri con feroce sarcasmo.

La sigla di "Fratelli di Crozza", il programma in cui "opera" Napalm 51
Un troll, nel gergo di internet e in particolare delle comunità virtuali, è un soggetto che interagisce con gli altri tramite messaggi provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso, con l'obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi.

In effetti Napalm 51 di tale figura addirittura ne è l'iperbole, con le sue esagerate affermazioni ed epiteti nei confronti addirittura della propria madre, personaggio "invisibile" alla quale si rivolge sempre con mancanza di rispetto.

L'iperbole (dal greco hyperbolé, «eccesso») è una figura retorica che consiste nell'esagerazione nella descrizione della realtà tramite espressioni che l'amplifichino, per eccesso o per difetto.

Maurizio Crozza, il mattatore dello spettacolo
Napalm51 è icona dell'eterno irrisolto, dell'immaturo, del complottista, di colui-che-la-sa-lunga, e con il mantra "stavo per..." trova sempre una scusa poco plausibile al fallimento completo della propria esistenza reale, cercando vendetta in quella virtuale.

ADV



Napalm è infine sineddoche di quella parte del popolo degli internauti che sfoga le sue frustrazioni in Rete, sempre pronto a "bannare", segnalare, attaccare per trovare un po' di divertimento con questo "gioco" inflitto agli altri membri della medesima comunità virtuale, gioco che consiste in interrompere le discussioni, dare cattivi consigli, minare la fiducia reciproca della comunità degli utenti.

La sineddoche è  una figura retorica che consiste nell'uso, in senso figurato, di una parola al posto di un'altra mediante l'ampliamento o la restrizione del senso. Una parte per il tutto.

Andrea Zalone, preziosa spalla di Crozza 
Da non dimenticare in questa felice e ben riuscita rappresentazione l'apporto di Andrea Zalone (il cui ruolo nella trasmissione è stato precedentemente analizzato) che, fuori campo, dialoga con Napalm51  e che con i suoi codici tonali, le sue inflessioni, la velocità di dizione e le domande cortesi che pone, mette ancora più in risalto la paradossale, grottesca figura del personaggio.

0 commenti: