NEWS
Loading...

Daniele Silvestri a bocca chiusa al Festival di Sanremo

"A bocca chiusa" è la canzone presentata al Festival di Sanremo da Daniele Silvestri.

La cadenza dialettale romanesca, indice delle origini del cantautore, serve ad avvicinare ancora di pìù il testo ai giovani romani ed è simbolo e sineddoche della sua vocazione popolare.

Ci sono una serie di citazioni ("Fatece largo che...passa domani" anziché "Fatece largo che passamo noi" ; "Ché partecipazione certo è libertà" al posto di "libertà è partecipazione" di Giorgio Gaber).

La canzone è metafora della manifestazione ( "E andremo in strada co’ tutti gli striscioni", "Fatece largo che… passa il
corteo, se riempiono le strade"), allegoria della rabbia, l'indignazione e la frustrazione giovanile.

Vi è l'antitesi tra la speranza e la disillusione "E le parole, sì lo so, so’ sempre quelle, ma è uscito il sole e a me me sembrano più belle, Scuola e lavoro, che temi originali,se non per quella vecchia idea de esse tutti uguali".

Il finale, l'iperbole "Ho solo questa lingua in bocca e se mi tagli pure questa" è metafora della condizione di impotenza in cui si ritrova un'intera generazione italiana, tagliata fuori dalla società, dal lavoro, dalla vita, dal proprio futuro.

Ma vi è anche la metafora della resistenza, a ogni costo, per far sentire le proprie ragioni, per difendere la propria dignità, con coraggio "Canto pure… a bocca chiusa" con l'onomatopea conclusiva e agghiacciante "Mm… Mm… Mm…"


Ecco il testo

Fatece largo che… passa domani, che adesso non si può
Oggi non apro, perché sciopererò
E andremo in strada co’ tutti gli striscioni
A fare come sempre la figura dei fregnoni
A me de questo sai, non me ne importa niente
Io oggi canto in mezzo all’altra gente
Perché ce credo o forse per decenza
Ché partecipazione certo è libertà ma è pure resistenza
E non ho scudi per proteggermi, né armi per difendermi
Né caschi per nascondermi o santi a cui rivolgermi
Ho solo questa lingua in bocca e forse un mezzo sogno in tasca
E molti, molti errori brutti, io però li pago tutti
Fatece largo che… passa il corteo, se riempiono le strade
Via Merulana, così pare un presepe
E semo tanti che quasi fa paura
O solo tre sfigati come dice la questura
E le parole, sì lo so, so’ sempre quelle
Ma è uscito il sole e a me me sembrano più belle
Scuola e lavoro, che temi originali
Se non per quella vecchia idea de esse tutti uguali
E senza scudi per proteggermi, né armi per difendermi
Né caschi per nascondermi o santi a cui rivolgermi
Ho solo questa lingua in bocca e se mi tagli pure questa
Io non mi fermo, scusa
Canto pure… a bocca chiusa
Mm… Mm… Mm…
Guarda quanta gente c’è che sa rispondere dopo di me…
A bocca chiusa
Guarda quanta gente c’è che sa rispondere dopo di me…
A bocca chiusa
Guarda quanta gente c’è…
A bocca chiusa

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Appena sentita, canzone bellissima.
Daniele Silvestri è un grande.
Eccezionale la lettura della canzone: chi l'ha scritto è un artista al pari suo...
Pietro