INGROIA E LA PRETERIZIONE: 'NON DICO COSA BORSELLINO DICEVA DELLA BOCCASSINI'


Continua lo scambio di cortesie tra i due magistrati Boccassini e Ingroia. Oggi il candidato di "Rivoluzione civile" ha risposto al pesante giudizio della collega dicendo con un filo di perfidia con una frase sibillina: "Non dico cosa Borsellino diceva di lei".

La frase è sintetica ed efficace perché contiene in sé una presupposizione in quanto l'ascoltatore deve sapere che tra il 1989 e il 1990 Ilda Boccassini cura l’inchiesta sulla “Duomo connection”, che svela per la prima volta le infiltrazioni mafiose a Milano ed entra in contatto con Giovanni Falcone.

Il lettore deve anche sapere che Ingroia conosceva Borsellino in quanto si è formato professionalmente a Palermo, sua città natale, a partire dal 1987, nel pool di Falcone e Borsellino.

Oltre a questo troviamo un'implicazione (conoscevo tanto bene Borsellino che lui mi faceva confidenze proprio sulla Boccassini).

Nell'immagine un giovane Ingroia accanto a Paolo Borsellino.
Inoltre sono presenti una connotazione (magari Borsellino diceva che la Boccassini era persona preparata, ma la sensazione che nasce da tale frase è che la buonanima non parlasse affatto bene di lei) e soprattutto una preterizione, che è una figura retorica con la quale si finge di non voler dir nulla di ciò di cui si sta parlando, - "Non dico cosa" - e quindi lo si dice a chiare lettere.

Quindi Ingroia dice all'inizio che non dirà ciò che fa chiaramente capire al destinatario grazie a presupposizione, connotazione e implicazione.

Così tanti significati e costruzioni semiotiche in una frasetta che parrebbe tanto banale.

INGROIA E LA PRETERIZIONE: 'NON DICO COSA BORSELLINO DICEVA DELLA BOCCASSINI' INGROIA E LA PRETERIZIONE: 'NON DICO COSA BORSELLINO DICEVA DELLA BOCCASSINI' Reviewed by Polisemantica on mercoledì, gennaio 30, 2013 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.