NEWS
Loading...

CAROLINA KOSTNER. IL POST SULLO SPOT - PARTE 4


Grazie a questo spot polisemantico, siamo riusciti a inviare non uno ma ben dieci messaggi contemporanei ad altrettanti destinatari modello o abbiamo colpito con dieci messaggi simultanei il nostro target singolo.

I messaggi inviati sono che la scarpa è comoda, è realizzata in materiale naturale, è un oggetto di pregio adatta solo per chi può permetterselo, è elegante, è tradizionale e fatta in Italia, è costruita da chi ha esperienza, per produrla non vengono sfruttati bambini del terzo mondo, è usata da grandi campioni sportivi, è alla moda e infine è ergonomica e scientificamente testata.

Ora, come possiamo costruire attraverso un processo di generazione di comunicazione integrata, la versione su immagine statica (stampa, cartellonistica o web)?

Occorrerà usare alcuni stratagemmi: il quadrato semiotico, il modello attanziale, i simboli e le icone.

ADV



Quindi l'immagine su una pubblicità cartacea potrebbe essere questa:

Carolina, elegantissima, con tacchi vertiginosi tiene in mano la scarpa xzy appena preparata dal calzolaio che gliela porge. Ai piedi della ragazza ci sono i pattini. Sul desco del calzolaio altre scarpe, belle e comode ma non come il suo capolavoro.

In lontananza il paesino toscano nella omonima campagna, una mucca al pascolo. Colori caldi di giornata al tramonto.

HEAD: Solo per intenditori
COPY - XYZ: la scarpa tradizionale al passo con la moda

La quinta e ultima puntata dei post degli spot spiegherà i concetti di modello attanziale e quadrato semiotico applicati a questa pubblicità. Alla prossima...

0 commenti: