NEWS
Loading...

Stephen Frears e la politica italiana: il soggetto ideale un film

Il regista inglese, ospite del festival di Bari che gli consegna il Premio Fellini, giudica la politica italiana.

Lo fa utilizzando il linguaggio a lui più consono, quello del cinema.

"E' più interessante che nel mio paese. In Italia avete un anarchico, Beppe Grillo, un uomo di età avanzata e corrotto come Silvio Berlusconi e un sindaco di Firenze che forse è stato giudicato troppo giovane per diventare capo del Partito democratico".

Un triangolo attanziale formato da tre icone di personaggi caratteristici che parrebbero ruoli più che persone, caratterizzati da elementi percettivi e connotativi molto forti (l'anarchico, il corrotto e l'attor giovane)  a cui aggiunge una comparazione: "C'è una varietà, mentre la politica inglese è così noiosa che, raccontata in un
film, addormenterebbe gli spettatori".

Una riprova, se mai ce ne fosse bisogno, che in Italia la politica, chiunque la faccia, è sempre una sorta di teatrino.

Aldo Altomonte

0 commenti: