L'hashtag #nonmipiace su Twitter, Gino Bartali e la semiotica

Fra le tendenze di Twitter al primo posto c'è l'hashtag #nonmipiace.

Un modo per sfogarsi, per elencare in 140 caratteri cosa non va, cosa bisogna rifare.

Dal punto di vista semiotico si tratta di un atto linguistico Rappresentativo/Assertivo ( che esprime l'azione di sostenere, comunicare, annunciare) e col quale il locutore formula un enunciato in base alle conoscenze e alle sue credenze.

C'è #nonmipiace aspettare qualcosa che so che non
accadrà, oppure  #nonmipiace quando la gente ti parla male alle spalle ma di te conosce solo il tuo nome, #nonmipiace quando cerco di abbracciare una persona fantastica e finisco con l'andare a sbattere contro lo specchio, e altre amenità varie.

Se Bartali fosse stato ancora vivo probabilmente avrebbe tagliato corto con la sua celebre "L'è tutto sbagliato, l'è tutto da rifare".

Ecco alcuni divertenti #nonmipiace

L'hashtag #nonmipiace su Twitter, Gino Bartali e la semiotica L'hashtag #nonmipiace su Twitter, Gino Bartali  e la semiotica Reviewed by Polisemantica on venerdì, febbraio 22, 2013 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.