NEWS
Loading...

OLTRE LE STELLE. IL PAESAGGIO MISTICO DA MONET A KANDINSKY


Cercare un ordine posto al di là delle apparenze fisiche, e quindi considerare la realtà che viviamo solo come apparente, metafora della reale esistenza. Trascendere la realtà materiale per accostarsi ai misteri dell’esistenza, sperimentare l’oblio di sé nell'unione perfetta con il cosmo.

L’esperienza mistica ha particolarmente ispirato gli artisti simbolisti di fine Ottocento come reazione al culto della scienza e al naturalismo, antitetici a emozione e mistero.

Vincent van Gogh, Notte stellata sul Rodano, 1888, Musée d'Orsay, Parigi
Il paesaggio, allegoria ricca di simboli che rimandano al vero significato del tutto, appare allora come il supporto privilegiato della loro ricerca, il luogo per eccellenza della contemplazione e dell’espressione dei sentimenti interiori.

Gustav Klimt, Rose sotto gli alberi, c. 1905, Musée d'Orsay, Parigi
La mostra Au-delà des étoiles. Le paysage mystique de Monet à Kandinsky, al musée d'Orsay a Parigi, dal 14 marzo al 25 giugno 2017, esplora dunque il genere paesaggistico attraverso le opere di Paul Gauguin, Maurice Denis, Ferdinand Hodler e Vincent Van Gogh in primis.

Vi proponiamo in questo video una suggestiva sequenza di alcuni capolavori esposti:


Verranno anche presentati alcuni pittori nordamericani meno conosciuti dal pubblico, come Giorgia O'Keeffe o Emily Carr.

La contemplazione, l’esperienza della notte o della guerra, la fusione dell’individuo nel cosmo, la sperimentazione delle forze trascendenti della natura sono tutte tappe di un percorso mistico in cui questa mostra propone di addentrarsi.

Vincent van Gogh, Il seminatore, 1888, Van Gogh Museum, Amsterdam