NEWS
Loading...

Laura Boldrini, il nuovo presidente della Camera, le nozze gay e Papa Francesco

Laura Boldrini è il nuovo Presidente della Camera.

Ex portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha cominciato la sua carriera all'ONU lavorando per quattro anni alla FAO, dove si occupava della produzione video e radio.

Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra i quali la Medaglia Ufficiale della Commissione Nazionale per la parità e le pari opportunità tra uomo e donna.

Il settimanale Famiglia Cristiana, nel suo numero 1 del 2010, l'ha indicata quale italiana dell'anno 2009, in ragione del «costante impegno, svolto con umanità ed equilibrio, a favore di migranti, rifugiati e richiedenti asilo» della «dignità e (...) fermezza mostrate nel condannare (...) i respingimenti degli immigrati nel
Mediterraneo effettuati» nell'estate del 2009.[1] È stata insignita nel 2011 del Premio Renato Benedetto Fabrizi, premio nazionale ANPI

Alle elezioni politiche italiane del 2013 Laura Boldrini è candidata alla Camera dei deputati nelle circoscrizioni Sicilia 1 e 2 e Marche come capolista di Sinistra Ecologia Libertà (la sua presenza nelle liste di Sel è stata voluta fortemente dal leader del partito Nichi Vendola)

SEL parte dal presupposto che in Italia esista un «vuoto drammatico di sinistra».  e che occorra «un percorso nuovo», ovvero «un soggetto politico, ecologista e libertario, (...) per costruire un’alternativa al moderno capitalismo» che approdi alla creazione di una «sinistra di un secolo nuovo».

I «principi fondamentali» di SEL sono «pace e non violenza, lavoro e giustizia sociale, sapere e riconversione ecologica dell’economia e della società»

Sinistra Ecologia Libertà ha ufficialmente annunciato la propria intenzione di supportare una legge d’iniziativa popolare per l’istituzione del reddito minimo garantito, in quanto «argine contro il lavoro nero, il lavoro sottopagato e la negazione delle professionalità e della formazione acquisita e da sempre, Sinistra Ecologia Libertà si è fatta promotrice di proposte per ridurre le spese militari in Italia.

Inoltre SEL è per il riconoscimento dei matrimoni omosessuali.

L'elezione di Laura Bodrini a presidente della Camera rappresenta quindi l'invio di un chiaro messaggio simbolico di tendenza in Italia alla disgregazione della famiglia tradizionale basata sull'unione di uomo e di una donna con una forte componente finalizzata alla procreazione in antitesi, con quello inviato da papa Francesco, new entry nella scena sociale italiana e mondiale.

Papa Francesco ha infatti affermato più volte che i matrimoni gay sono una "pretesa distruttiva contro il piano di Dio", che le adozioni gay minacciano "l’identità e la sopravvivenza della famiglia: padre, madre e figli", e che "i bambini vengono discriminati a priori, privandoli della crescita umana che Dio avrebbe dato loro con un padre e una madre".

Il contrasto sociale tra laici e credenti in Italia, simboleggiato dalla Chiesa e da SEL,  diventa sempre più netto.

Ecco il video della proclamazione:


Il discorso del suo insediamento:

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Questa Signora è una di quelle che ,buonista fino all'esaurimento dei nostri quattrini per mantenere clandestini pescati in acque internazionali, aggiungerebbe alle tasse degli italiani i costi causati dai matrimoni tra gay.
Cioè non si preoccupa dei costi sociali di milioni di clandestini, dei costi di migliaia di immigrati in galera e simili. Con i compensi che percepisce..............

Maria ha detto...

Io credo invece che estendere il matrimonio anche alle persone omosessuali servirà a rafforzare l'istituzione del matrimonio. Le coppie omosessuali hanno un forte e sincero desiderio di vedere riconosciuto il loro legame. E un sentimento così forte porterà sicuramente bene al matrimonio.

Dovremmo vedere positivamente lo spirito umanitario di questa donna. È un cambiamento importante rispetto a prima.