CROZZA E L'ALLUSIONE DEI SEI PERSONAGGI IN CERCA DI ELETTORE


Durante una delle sue puntate del Paese delle Meraviglie sono stati presentati da Maurizio Crozza i sei personaggi in cerca di "elettore".

Fin troppo chiara l'allusione ai "sei personaggi in cerca d'autore" di pirandelliana memoria.

Troviamo così sei emittenti "politici" cercano quindo il loro lettore/elettore modello. Un ribaltamento rispetto al romanzo di Pirandello dove sono i destinatari alla ricerca del proprio autore/emittente

Coma nel gioco delle parti di una commedia Crozza ha assegnato un ruolo narrativo a tutti i candidati leader delle politica italiana, che sono diventati icone, anzi stereotipi dei personaggi interpretati.

E così Berlusconi, il conte cazz (al posto di max) è lo show-man di tutte le falsità.

Bersani è il maestro di logica e in un discorso arriva a dire "o vinciamo o perdiamo, non c'è alternativa, è questo il meccanismo".

Per Ingroia vale la caratteristica epica: come per Ulisse l'astuzia, per Ettore la lealtà, per Achille forza, per Ingroia figlio di Giunone e un ghiro, metà uomo e metà "dorme", la mancanza di "voia".

Monti è la tinca delle commedie, quello noioso, quello fuori parte.

Grillo invece un personaggio alla Kubrick come Jack Nicholson in Shining quando insegue la moglie e il bambino con un coltello.

Giannino è il protagonosta di una commedia di Moliere: il laureato immaginario. Un candidato premier smentito addirittura dal Mago Zurlì.

Maroni infine è un pupazzo dei Muppet che lavora, come dice lui stesso "acca 24".

Ecco il divertentissimo video.

CROZZA E L'ALLUSIONE DEI SEI PERSONAGGI IN CERCA DI ELETTORE CROZZA E L'ALLUSIONE DEI SEI PERSONAGGI IN CERCA DI ELETTORE Reviewed by Polisemantica on venerdì, febbraio 22, 2013 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.