giovedì, gennaio 03, 2013

Riotta, Movimento 5 stelle, e il tweet della discordia

Il 29 dicembre scorso sull'edizione siciliana de la Repubblica è uscito un articolo di Carmelo Caruso riguardo alla probabile delega “a responsabile dell’Ato idrico” a Mario Giarrusso, avvocato ed esponente del Movimento 5 stelle.

Gianni Riotta, dopo aver letto questa notizia ci ha scritto un tweet e lo ha commentato parlando di “lottizzazione”.

Gianni Riotta è stato querelato – insieme al collega de la Repubblica – da Mario Giarrusso per aver interpretato
a modo suo una notizia e averla diffusa, secondo Giarrusso, in maniera diffamatoria, con un tweet.

Semioticamente parlando qui abbiamo il classico triangolo semiotico, formato da un veicolo segnico, (il tweet) l’interpretante (l'interpretazione da parte di Riotta e del giornalista Caruso dell'idea dell'incarico ricevuto da Mario Giarrusso) e il referente ( la delega “a responsabile dell’Ato idrico” affidata a Giarrusso).

Non c’è alcun rapporto diretto fra veicolo segnico e referente: in mezzo c’è sempre una mediazione di senso, che è appunto l’interpretante, cioè l’immagine mentale che noi abbiamo di un determinato “oggetto” reale.

Ciò significa che noi abbiamo delle conoscenze pregresse e delle aspettative ogni qualvolta comunichiamo e che da tali conoscenze e aspettative siamo fortemente condizionati quando siamo raggiunti da messaggi inviati da altri o quando siamo noi ad inviarne.

Ecco perché è così facile incorrere nei fraintendimenti  (e talvolta rischiare le querele).

Nessun commento:

Copyright © 2010-2012 Polisemantica | Blumedia Art and Semiosis | Layout by Atomic and Fausto Crepaldi