NEWS
Loading...

Olli Rehn, la UE, Berlusconi e la damnatio memoriae

Damnatio memoriae è una locuzione in lingua latina che significa letteralmente 'condanna della memoria'.

Nel diritto romano indicava una pena consistente nella cancellazione della memoria di una persona e nella distruzione di qualsiasi traccia potesse tramandarla ai posteri.

Si trattava di una pena particolarmente aspra riservata agli hostes, ossia ai nemici di Roma e del Senato.

Ora, con i mezzi di comunicazione odierni è oltremodo complicato operare una effettiva "damnatio memoriae" in senso stretto contro i "nemici" politici.

Pare che allora gli esponenti dell'Unione Europea abbiano optato, per uno dei loro peggiori nemici, Silvio Berlusconi,
a una forma alternativa di condanna, per combatterlo in campagna elettorale (perché ormai è chiaro a tutti che la UE è parte in causa attiva nella campagna elettorale italiana).

Così Olli Rehn, commissario UE, ha deciso di osteggiare Berlusconi con una implementazione della memoria, cercando di ricordare a tutti che " L'Italia aveva preso impegni di consolidamento di bilancio nell'estate 2011 per facilitare l'intervento Bce nel mercato secondario per acquistare titoli di Stato: quando il governo Berlusconi decise di non rispettare più gli impegni assunti il costo del finanziamento per lo Stato è aumentato soffocando la crescita dell'Italia, poi con la formazione del governo Monti la situazione si è stabilizzata."

Insomma, paradossalmente, con un'antitesi della damnatio memoriae, si vogliono ottenere i medesimi risultati di cancellazione della figura politica che si perseguiva già nel periodo dell'antica Roma.

1 commenti:

vajmax ha detto...

Non è possibile cancellare una figura come quella di berlusconi perché una figuraccia, quando è stata fatta, tutti se la ricordano...