NEWS
Loading...

ANDY WARHOL E VELVET UNDERGROUND: I 50 ANNI DEL BANANA ALBUM


The Velvet Underground and Nico è spesso chiamato "banana album" per via della copertina raffigurante una banana disegnata da Andy Warhol.

Non solo: sulla copertina originale non compariva né il nome del gruppo né quello della casa discografica, come poi avvenne in seguito (in una vicenda di archetipi, prototipi e stereotipi), ma solo la firma dell'artista.

La successiva versione dell'album con le indicazioni del titolo e del gruppo musicale

Le prime copie del disco invitavano gli ascoltatori a "sbucciare lentamente e vedere" (peel slowly and see). Togliendo un adesivo si poteva scorgere una sorprendente banana colorata di rosa, chiara ed evidente metafora di un membro maschile.



The Velvet Underground & Nico ottenne un successo tardivo a causa di problemi di diritti d'autore (un'immagine di un ballerino sul retro-copertina) e agli alti costi di stampa, che ne rallentarono notevolmente la distribuzione.

Andy Warhol e i Velvet Underground in uno scatto d'autore del 1966
Oggi viene considerato a pieno titolo una pietra miliare del rock, un rock che Lou Reed ha sempre definito "per adulti", dove all'opposto di musica come divertimento si predilige la musica come cultura.

Ma da un punto di vista iconico, mai prima d'ora un simbolo erotico così esplicito era stato usato per la copertina di un album.

Andy Warhol seppe fondere la sensibilità musicale dei Velvet con suo spirito visionario: la trasgressione dei testi e quella dell'immagine divennero un'unica e irripetibile esperienza sensoriale.