NEWS
Loading...

L'ostensione della Sacra Sindone in TV nel Sabato Santo, il simbolo e l'icona

Dopo 40 anni dalla prima volta, la Sindone sara' esposta in ostensione televisiva alla vigilia della prossima Pasqua.

L'annuncio e' stato dato dall'arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia, custode pontificio della Sindone.

La Sindone di Torino, nota anche come Sacra Sindone, è un lenzuolo funerario di lino conservato nel Duomo di Torino, sul quale è visibile l'immagine di un uomo che porta segni di maltrattamenti e torture compatibili con quelli descritti nella Passione di Gesù. La tradizione identifica l'uomo con Gesù e il lenzuolo con quello usato per avvolgerne il corpo nel sepolcro.

Il termine "sindone" deriva dal greco σινδών (sindon), che indicava in senso generale un ampio tessuto, come un lenzuolo, e ove specificato poteva essere di lino di buona qualità o tessuto d'India.

Anticamente "sindone" non aveva assolutamente un'accezione legata al culto dei morti o alla sepoltura, ma
oggi il termine è ormai diventato sinonimo del lenzuolo funebre di Gesù.

La scelta del Sabato Santo e' legata al significato che Benedetto XVI in visita a Torino il 2 maggio 2010 attribui' al Sacro Lino, definendolo ''Icona del Sabato Santo''.

In realtà la Sindone è icona del corpo di Gesù (l'icona è il segno il cui significante, la parte visibile del segno, assomiglia alla realtà cui si riferisce) e simbolo del Sabato Santo (il simbolo è il segno il cui significante NON assomiglia alla realtà cui si riferisce).

Quindi, poichè sul lenzuolo c'è una immagine che assomiglia a un uomo che per i credenti è Gesù, la Sindone è sua icona, e siccome vuole rappresentare il Sabato Santo, cioè il giorno liturgico in cui il culto cristiano celebra il Signore Gesù Cristo nel mistero della sua discesa agli inferi (e naturalmente non può assomigliare a questo mistero, ma solo rappresentarlo) è di esso il simbolo.

Questa la seconda ostensione televisiva della storia, dopo quella del 23 novembre 1973, che venne trasmessa dal Palazzo Reale di Torino.

Ecco un interessante video sulla storia della Sindone

0 commenti: