NEWS
Loading...

WEB IS DEAD? IL RUOLO DEL SEMIOMARKETING


Durante una delle sessioni del Forum della Comunicazione 2011 è venuta fuori una provocazione. "Il Web è morto, il SEO anche".

Naturalmente si intendeva che è morta la maniera classica di intendere sia Web che SEO.

Si parlava di un forte bisogno di innovazione.

I cambiamenti sono sotto gli occhi di tutti, e continuano incessantemente a proporre modalità diversificate di fruizione dei device, in una corsa folle senza fine che spesso lascia sconcertati non solo i fruitori ultimi ma gli stessi addetti ai lavori.

Vi è bisogno di qualche regola da seguire per continuare a stare al passo, ma le regole cambiano se possibile più rapidamente delle versioni di Tablet o Smartphone.

Eppure, qualche principio c'è ancora, stabile da migliaia di anni, dal tempo di Cicerone e Aristotele, che si interroga sui comportamenti e percezione umani.

Ultimamente la comunicazione si è evoluta, ha subito contaminazioni e convergenze, ha utilizzato tecniche antiche ma rinnovate, ha unito i dettami della semiotica, della linguistica, della psicologia cognitiva, al marketing e ora indica una strada.

Si tratta del SEMIOMARKETING, una delle derivazioni del marketing classico, il cui scopo è incrementare le vendite attraverso l'ottimizzazione della comunicazione digitale (SEO oriented) e tradizionale.

Il Semiomarketing è una metodologia innovativa, nata da tecniche ampiamente sperimentate, basata sull'analisi, scomposizione e ricomposizione polisemantica dei testi verbali, visivi e morfologici (advertising, comunicazione interna, web) prodotti dall'ufficio marketing e comunicazione dell'azienda, tenendo conto del profilo e delle aspettative del consumer.

Il suo scopo è ottimizzare il processo comunicazione-vendita, indicando COME e DOVE modificare la comunicazione per potenziare il processo di conversione target/cliente.

Per fare ciò utilizza una serie di tecniche, che vanno dall'uso del SINTEXT per potenziare il SEO copywriting o la redazione di testi per apps, all'applicazione, a seconda del tipo di comunicazione, tradizionale o digitale, delle griglie di net semiology, art semiology, logosemiotica, fonosemiotiva o polisemantica.

Quindi, di fronte alla presunta morte di Web e SEO, occorre agire usando soluzioni antiche ma aggiornate, perché gli esseri umani sono strutturalmente sempre uguali nelle loro percezioni e bisogni, anche se le modalità di soddisfacimento cambiano.

Il semiomarketing è il pronipote evoluto di retorica, oratoria, teorie comunicative e marketing mix, nato dalla fusione della semiotica con il marketing e supera tali limiti potenziando le tecniche d'incremento delle vendite con l'efficacia pragmatica dell'analisi dei testi e dell'interpretazione dei dati acquisiti dalle ricerche di mercato.

Il semiomarketing offre quindi le indicazioni pratiche per migliorare la corporate image, il made in image, la brand image o il positioning del prodotto tenendo conto della contaminazione dei media ormai in atto che hanno dato origine alla new communication, tarata sulle peculiarità dei nuovi mezzi e delle nuove piattaforme di comunicazione.

0 commenti: