SUCCISA VIRESCIT



La traduzione di questo motto latino è "Recisa alla base, torna a rinverdire".

Le parole, che ornano lo stemma dell’abbazia di Montecassino, che mostra una quercia tagliata al piede, dal cui ceppo vanno spuntando rami nuovi, vengono anche usate in riferimento a tutto ciò che, dopo la distruzione, trova in sé la forza di tornare a nuova vita.

Si tratta di un simbolo (o di una allegoria, se considerata dal punto di vista delle figure retoriche) di rigenerazione, forza interiore, capacità di riscatto.

Ha funzione conativa, ovvero il suo scopo è quello di spingere l'individuo a reagire, a risollevarsi anche dopo un avvenimento tragico, distruttivo, che ha quasi annientato il suo essere.



"Quasi", appunto, non del tutto.

E' quell'avverbio a fare la differenza, a invitare a chiedersi di che pasta si è fatti, a spronare all'autorigenerazione.

L'icona dell'albero tagliato è metafora della straziante perdita (di una persona cara, di tutti i beni, della propria integrità corporea), ma i rami verdi che nonostante tutto iniziano a spuntare, generando le foglie, lo sono della capacità di affrontare anche i più grandi dolori, le più grandi perdite e rimettersi in piedi, ancora vivi, ancora fecondi di progetti, di idee, di giorni da affrontare con energia.



E' simbolo della forza della vita che non dipende dall'energia personale, ma che senza la collaborazione e la volontà di chi aspira a rialzarsi non potrebbe comunque agire.

Contiene in sé l'implicazione di un passato pieno e rigoglioso, la presupposizione che si è subito un feroce attacco, l'antitesi tra la perdita quasi totale e la rinascita, il paradosso che un albero reciso possa germogliare e infine l'inferenza generata dai concetti di ceppo e rami verdi: la vita non muore mai, si rigenera in forme nuove e inaspettate.

Insomma, un vero albero della vita.


SUCCISA VIRESCIT SUCCISA VIRESCIT Reviewed by Polisemantica on mercoledì, luglio 04, 2018 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.