L’ORFANELLA AL CIMITERO DI DELACROIX E L’ALLEGORIA DELL’ABBANDONO


Quante volte ritroviamo ancora lo sguardo della ragazza rappresentata da Delacroix nelle mille storie di abbandono, di vulnerabilità e di indifferenza sociale, che contraddistinguono la nostra epoca?

Il forte e toccante testo visivo dell'artista è collegato, per il tema trattato, ad un altro: viene infatti ritenuto un lavoro preparatorio ad olio per la successiva rappresentazione del massacro a Chios.

Per l’intensità della composizione, il dipinto, conservato presso il Louvre di Parigi, è comunque considerato un capolavoro a sé stante.

Uno dei capolavori di Eugène Delacroix, nato il 26 aprile 1798, è senza dubbio l’Orfanella al cimitero, dipinto nel 1823-1824 circa e conservato presso il Louvre di Parigi.
Grande rilievo viene dato ai codici mimetici: la ragazza volge lo sguardo verso l’alto, mentre dal volto, rigato dalle lacrime, scaturisce un'espressione di tristezza e paura.

I capelli raccolti (codici acconciatura) contribuiscono a concentrare l'attenzione dello spettatore sullo sguardo della ragazza.

L'oscurità del cielo e il cimitero abbandonato sono in consonanza con la sua espressione di malinconia.

Il linguaggio del corpo (codici gestuali) e l'abbigliamento della ragazza evocano la tragedia e la vulnerabilità dell'essere umano. I dettagli dell'abito che scende dalla sua spalla, una mano posata debolmente sulla gamba, le ombre sopra la nuca, l'oscurità alla sua sinistra e la colorazione fredda e algida del suo abbigliamento, sono tutti elementi combinati per enfatizzare un senso di perdita e al contempo di speranza irraggiungibile.

Ne consegue che la ragazza diviene allegoria dell'isolamento, dell'abbandono, della vulnerabilità e dell'assenza di qualsiasi forma di aiuto da parte del genere umano.
L’ORFANELLA AL CIMITERO DI DELACROIX E L’ALLEGORIA DELL’ABBANDONO L’ORFANELLA AL CIMITERO DI DELACROIX E L’ALLEGORIA DELL’ABBANDONO Reviewed by Polisemantica on giovedì, aprile 26, 2018 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.