SIGNIFICATI E CODICI NELLA MADDALENA DI PIERO DELLA FRANCESCA


La Maddalena di Piero della Francesca, dipinta nel 1460 e conservata nel Duomo di Arezzo, nonostante rappresenti una singola figura, si dimostra sorprendentemente ricca di significati e codici.

La figura della Maddalena si trova incorniciata da un'arcata a tutto sesto dipinta, dallo stile classicheggiante, come ci ricorda Vasari nelle sue Vite:

Fece nel Vescovado di detta città una Santa Maria Maddalena a fresco, allato a la porta della sagrestia”.

La Maddalena di Piero della Francesca nel Duomo di Arezzo.
La connotazione con motivi vegetali sulla ghiera è una decorazione che non si riscontra nell'architettura reale, né classica né del periodo, ma compare in vari dipinti di ambito romano dell'epoca, come la cappella Niccolina di Beato Angelico.

Per questa caratteristica e per gli effetti luministici, si presuppone in genere la datazione dell'opera corrispondente al periodo successivo del soggiorno romano dell'artista, avvenuto nel biennio 1458-1459.

La Maddalena, ritratta a figura intera, si erge a dimensioni naturali, con lo sguardo abbassato verso lo spettatore, sullo sfondo di una balaustra e di un cielo azzurro. Il punto di osservazione inclinato accentua proprio la solennità e l’importanza della figura rappresentata.



La cornice accentua la consistenza monumentale, comparabile a quella di una statua in una nicchia.

I codici mimetici e gestuali incedono nel mostrarci una dolce bellezza giovanile, sottolineata dalla postura fiera del collo, la fronte alta e nobile, le fossette ai lati della bocca e le sopracciglia leggermente inarcate.

I codici dell'abbigliamento definiti dalla veste e dal mantello, sono trattati con un panneggio estremamente plastico, con il ricorso alle categorie cromatiche e, nello specifico, al contrasto complementare rosso/verde, che accentua l’importanza della rappresentazione, che sfocia nel luminoso bianco della fodera.

Il contrasto complementare rosso/verde presente nella veste della Maddalena rappresentata da Piero della Francesca.
La luce chiara e nitida, una delle connotazioni principali dell'arte di Piero della Francesca, dà ai colori un tono delicato e armonico, su superfici ampie

Per quanto riguarda i codici dell'acconciatura, i capelli della santa sono lunghi come da tradizione iconografica, cadenti sulle spalle in tenere ciocche, raffinatamente dipinte una ad una.

Da un punto di vista simbolico Maddalena tiene in mano il consueto l'attributo dell'ampolla degli unguenti, con il quale avrebbe cosparso il corpo di Cristo.

L'ampolla mostra un virtuosistico uso della luce che restituisce il lustro brillante del vetro, particolarmente difficile nella tecnica ad affresco, facendola quasi assomigliare a una fonte di luce.
SIGNIFICATI E CODICI NELLA MADDALENA DI PIERO DELLA FRANCESCA SIGNIFICATI E CODICI NELLA MADDALENA DI PIERO DELLA FRANCESCA Reviewed by Polisemantica on sabato, marzo 31, 2018 Rating: 5

1 commento:

Sergio Gandossi ha detto...



Piero della francesca è nel suo fare estremamente "metafisico"lo si nota nella descrizione dei capelli della maddalena ,irreali nella lora descrizione pittorica un assenza tipica della pittura definita nel tempo metafisica.

Powered by Blogger.