LA SIMBOLICA NOVELLA DEL GIOCATORE DI SCACCHI DI LIBERALE DA VERONA


Liberale da Verona tratta il tema dell'amore e il legame che si instaura tra i due protagonisti attraverso un'allegorica e duplice scena che di risolve con una memorabile partita a scacchi.

I due pannelli dipinti a tempera che compongono la Novella del giocatore di scacchi sono noti anche come 'The Chess Players', 'Chess Game' e 'Scene from a Novella', databili circa 1475 e collocati al Metropolitan Museum of Art di New York.

Queste due tavole, furono realizzate per decorare la parte frontale di un cassone nuziale.

Arrivarono al MET in epoche successive e provenienti da due diverse collezioni: la scena del corteggiamento nel 1943 e la scena della partita a scacchi nel 1986.

La scena del corteggiamento.
Secondo il parere degli esperti, i due dipinti sono databili tra il 1467 e il 1476 e rappresentano, in modo simbolico, una novella non identificata di epoca rinascimentale.

La simbologia, confrontata con quella di altre opere d'arte rinascimentali di soggetto analogo, in particolare con la partita a scacchi dipinta da Giulio Campi intorno al 1535, fanno invece pensare ad una rappresentazione simbolica strettamente legata ad un matrimonio.

La scena della partita a scacchi.
Affidare ad un artista noto la pittura di un cassone nuziale non era cosa inconsueta.

La mancanza di stemmi indica che i due sposi appartenevano alla ricca borghesia e non alla nobiltà.

La prima scena si svolge all'aperto. Il giovane pretendente, seduto in strada in primo piano e attorniato dai suoi compagni e confidenti, dialoga con la ragazza che è affacciata al balcone della sua casa paterna (codici architettura).

Il ragazzo allarga le braccia (categorie eidetiche), in segno di accoglienza e di disponibilità. La gestualità della giovane è più complessa: con la mano destra si indica gli occhi, come a significare che ha notato il pretendente, mentre con la mano sinistra risponde alle parole d'invito del ragazzo.

Le lunghe sciarpe bianche, drappeggiate intorno ai loro corpi, sono simbolo del legame d'amore che li sta avvolgendo. Un lembo della sciarpa del giovane si protende verso la casa della ragazza.

La seconda scena si svolge all'interno: i due hanno contratto il matrimonio (ne sono segni evidenti l'incrociarsi delle loro braccia dietro la scacchiera -codici gestuali- e la sciarpa bianca che è diventata unica) e sono intenti alle prime schermaglie amorose, rappresentate proprio dalla partita a scacchi.



Due gruppi attorniano la coppia: a sinistra gli amici e compagni di lui e a destra le amiche e compagne di lei. La sposa si volge verso una donna, che sembra più adulta, per chiederle consiglio.

La scacchiera ha forma rettangolare e i pezzi sono tutti neri, segno ulteriore che l'artista ha rivolto scarsa attenzione alla partita di scacchi e l'ha considerata non in ambito reale ma strettamente simbolico, magari definendo la schiacciante supremazia nella vita quotidiana, di un contendente rispetto all'altro.

I volti sono a tal proposito ben caratterizzati, mentre lo straordinario tipo di acconciatura "permamentato" e la moda degli abiti (codici dell'abbigliamento) indicano che i due pannelli furono dipinti nel periodo senese di Liberale da Verona.

L'opera si colloca infatti nel periodo del gotico fiorito o gotico cortese, con linearità accentuata nelle pieghe delle vesti e le acconciature bionde fortemente arricciate, ma anche all'alba del Rinascimento, per i primi accenni di un'applicazione prospettica.

Dipinti probabilmente su commissione, i due pannelli sono ora contornati da preziose cornici rinascimentali - molto simili fra loro - scolpite e dorate a foglia d'oro zecchino: segno che probabilmente abbandonarono presto la loro destinazione originale, per assumere quella di opere d'arte in sé, quindi separate dal cassone per cui furono realizzate e forse anche separate fra loro, fino alla loro nuovo incontro oltreoceano.
LA SIMBOLICA NOVELLA DEL GIOCATORE DI SCACCHI DI LIBERALE DA VERONA LA SIMBOLICA NOVELLA DEL GIOCATORE DI SCACCHI DI LIBERALE DA VERONA Reviewed by Polisemantica on venerdì, marzo 16, 2018 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.