NEWS
Loading...

Non prevalebunt, il 12 marzo inizia il Conclave e il Giudizio Universale

Il 12 marzo inizierà il Conclave.

I 115 grandi elettori si riuniranno per decidere il successore di Benedetto XVI e di Pietro e mai come in questa volta i media hanno invaso la "bolla prossemica" vaticana per intervenire e talvolta interferire con le decisioni dei cardinali.

Anche dentro la Chiesa le divisioni sono terribili, i
metaforici veleni, letali.

L'unico ammesso a indicare, suggerire, raccomandare qualcuno dei porporati come prossimo Papa è lo Spirito Santo che dovrebbe ispirare i cardinali a fare la scelta migliore, ma sono ormai in tanti, credenti o meno, che dubitano che la Chiesa permetterà stavolta allo Spirito di entrare.

Per un fedele l'unica speranza sta nell'appigliarsi alla frase "non prevalebunt", locuzione latina traducibile in italiano come "non prevarranno".

L'origine della locuzione è da ricercare nel Vangelo secondo Matteo, quando Gesù chiese ai suoi discepoli chi pensavano che lui fosse. Simone rispose : "Tu sei il Cristo, il figlio del Dio vivente". Gesù allora disse, con una allegoria e una metafora: Tu sei Pietro, e su questa pietra edificherò la mia Chiesa, e le porte degli inferi non prevarranno ("non prevalebunt") contro di essa.

Speriamo che i cardinali, ispirati dalle immagini del Giudizio Universale, in Cappella Sistina, facciano la scelta giusta. Anche se, come ammonisce Giovanni ( III, 19 ) " la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce".

In questo video il martirio di san Pietro:

0 commenti: