NEWS
Loading...

L'onorevole, il senatore, il cittadino M5S e Beppe Severgnini

Beppe Severgnini in un breve e divertente video della serie 3 minuti e una parola si occupa oggi del termine cittadino e del fatto che pare che dopo l'incitazione "forza italia" stiano per scipparci anche la denominazione "cittadino".

Cittadino è un termine denotativo e significa colui che è originario, abitante e/o residente in uno stato e del quale possiede la cittadinanza avendone i conseguenti diritti e i doveri.

Lo status di civis era molto sentito nell'impero romano, in cui chi lo possedeva era tutelato e si considerava
protetto e intoccabile in ogni luogo dell'impero e anche nelle città straniere.

Durante la rivoluzione francese il termine "cittadino" divenne connotativo e sinonimo di "uguale" sostituì tutti gli altri titoli. Tutti dovevano essere e apparire  uguali per legge, anche quando in realtà erano diversi.

In pratica un livellamento ma non per elevare tutti, ma per standardizzare verso il basso.

Anche i parlamentari del M5S hanno adottato il connotativo termine cittadino sostituendolo al denotativo onorevole (che è nel frattempo diventato connotazione di ladro e corrotto)

In tre minuti Severgnini ha saputo essere efficace, conciso, pregnante.

Quando un giornalista come lui, di cui Indro Montanelli, suo maestro, disse che scriveva del nulla ma lo faceva molto bene, comincia a descrivere con tanta accuratezza e analitica precisione un problema linguistico che implica un problema sociale e politico che incombe, la situazione è diventata grave davvero.

Alessandro Diletto

0 commenti: